CECI – Legume drenante.


Cicer arietinum

250px-Chickpea_podsIl nome deriva dal latino cicer. È noto che il cognome di Cicerone discendeva da un suo antenato che aveva una caratteristica verruca a forma di cece sul naso.

Il nome specifico arietinum si riferisce invece alla somiglianza che hanno i semi con il profilo della testa di un ariete.

cece

Il cece è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae, ed è un legume, i semi di questa sono i ceci e vengono ampiamente usati nell’alimentazione umana e rappresentano un’ottima fonte proteica.

La pianta presenta fusto peloso con altezza variabile tra 20 e 50 cm. Le foglie sono opposte, composte da foglioline dentate; i fiori sono solitari ascellari, bianchi, rosei o rossi; i semi, contenuti in numero di 2-3 nei baccelli, sono commestibili. Le radici della pianta possono penetrare nel terreno fino a 2 metri, e questo le consente di sopravvivere con pochissima acqua.

Il cece coltivato deriva da forme selvatiche del genere Cicer, probabilmente da Cicer reticulatum. Le specie selvatiche si sono originate probabilmente in Turchia, mentre le prime testimonianze archeologiche della coltivazione del cece risalgono all’età del bronzo e sono state rinvenute in Iraq; i ceci si diffusero in tutto il mondo antico: antico Egitto, Grecia antica, Impero romano.

Unknown

Coltivazione 

I ceci, semi del Cicer arietinum (più scura e piccola, la varietà indiana e più chiara e grande, la varietà europea), sono tra i legumi più coltivati al mondo, è la terza leguminosa per produzione mondiale, dopo la soia e il fagiolo. La coltivazione avviene principalmente in India e Pakistan. In Italia la coltivazione non è molto diffusa a causa delle basse rese e della scarsa richiesta anche se sempre di più richiesto soprattutto di coltivazioni organiche e viene consumato principalmente in ricette delle regioni meridionali insieme con la pasta e in Liguria e Toscana, dove alcuni piatti tipici sono a base di ceci sono la farinata o cecina e la panissa.

I ceci drenano l’eccesso di liquidi

Come già detto questi legumi contengono molte proteine vegetali, il 22% circa, buone quantità di sali minerali, come potassio, calcio, fosforo, magnesio, manganese, ferro e zinco, vitamine del gruppo B, E, acido folico e betacarotene.

I ceci svolgono un’azione drenante e antiadipe, diversamente da altri legumi, i ceci sono più digeribili e non provocano gonfiore addominale, anche se ricordiamo che con l’ammollo, il risciacquo e la cottura con alga kombu annullano praticamente il disagio. Favoriscono inoltre la riduzione del colesterolo nel sangue.

Si possono consumare lessati e in insalata in umido, 2-3 volte a settimana al posto della carne, pesce e derivati del latte.

I ceci secchi e crudi apportano 316 kcal/100 g; secchi e bolliti 120 kcal; in scatola e scolati, 100 kcal.

Se vuoi ricevere una ricetta sull’argomento trattato iscriviti al blog e te la invieremo via mail.

 

 

Erba di Grano, ovvero BRODO DI CLOROFILLA


“e’ un ottimo depurante per il FEGATO e aiutante valido per i depositi e accumuli di tossine che poi si traducono in cellulite!”
Unknown-4

Questa bevanda di erba di grano, o wheatgrass come la chiamano negli States sta spopolando oltreoceano da Los Angeles a NY.
Nei locali “cool” negli States di filosofia vegana, ma dove ci entrano in maniera rilassata, tutti ma proprio tutti, anche chi mangia carne e latticini (!), ti servono questi frullati di erba fresca o da estratti delle foglie secche, che assicurano danno tanta energia e aiutano a purificare il fisico.

In realta’ non e’ altro che un concentrato di clorofilla che nella filosofia macrobiotica e’ conosciuta da millenni come ottimo stimolante della funzionalità epatica che aiuta nella depurazione, disintossicazione e nel rilassamento del fegato. Bevuto appena fatto e tiepido prima dei pasti aiuta ad abbassare il colesterolo, migliora l’ossigenazione cellulare, aumenta i globuli rossi e migliora quindi la qualità del sangue.

La clorofilla (dal greco χλωρός, chloros = verde e φύλλον, phyllon = foglia) è un pigmento isolato nel 1817 da J.B.Caventou. Di colore verde, è presente nelle cellule vegetali, o negli organismi che realizzano la fotosintesi clorofilliana. La sua molecola ha una somiglianza molto interessante con l’emoglobina, la molecola che trasporta l’ossigeno nel nostro sangue. Al centro della molecola di emoglobina c’è il ferro (Fe), mentre invece al centro della molecola di clorofilla c’è il magnesio (Mg) per il resto davvero praticamente nulla le differenzia.
images-2

Dunque quello che consigliamo e’ che ci si cucini in 5 minuti un ottimo brodo di clorofilla in casa, senza spendere soldi ma soprattutto comprare prodotti estratti, essiccati e simili e quindi non certo ricchi di clorofilla come la foglia fresca!

Per avere un brodo di clorofilla fresco ci vogliono delle foglie verdi, qualsiasi foglia va bene come :

quelle dei cavoli verza, o cappuccio, delle cime di rapa, puntarelle, prezzemolo (da un sapore buonissimo!), quelle delle carote, le cime di rapa o ravanelli, o i porri (la parte verde) , del broccolo e del cavolfiore, ovvero le crocifere (leggete il nostro articolo a riguardo sul sito http://www.lacucinaverde.it)

Quindi tagliare a fettine sottili

1 tazza di foglie verdi miste

2 tazze d’acqua

Portate a bollore l’acqua e a quel punto buttate la tazza di foglie e fate bollire/sobbollire il tutto per per 1-2 minuti (massimo non di piu’).

Filtrate il brodo che berrete caldo e le foglie le potete usare frullandole come pesto per la pasta o il riso, oppure come base per un brodo.

Bevetene a stomaco vuoto, prima dei pasti almeno un quarto d’ora e aiuterete anche gli eventuali problemi di gonfiori addominali e bruciori di stomaco.

E’ un ottimo rimedio anche per la cistifellea infiammata!! Quindi aiutiamo i depositi e gli accumuli di tossine a sciogliersi e questo si traduce nella cellulite soprattutto localizzata in basso ventre e gambe.

Prossimamente parleremo dei meridiani del fegato e della cistifellea e come, se intossicati gli organi possiamo capirlo guardando il nostro corpo e gli accumuli di cellulite in punti particolari.

Attraverso il cibo ci si può’ curare ed aiutare a stare meglio, più’ e’ naturale e meglio sarà’ per il nostro corpo …e le nostre tasche!!

Seguitici sul blog http://www.lacucinaverde.it e sulla pagina facebook : la cucina verde e la pecora stufata.